La strategia Bomba per acquisire nuovi clienti e fidelizzarli che pochi usano

Ti premetto che questa strategia NON E’ ADATTA A TUTTI.
Stiamo parlando infatti di qualcosa che aiuta il tuo cliente a comprendere ed utilizzare meglio quello che tu vendi, innescando così un processo di acquisizione di nuovi clienti e di fidelizzazione sia dei nuovi che dei vecchi.

In Italia e’ conosciuta ma poco applicata perche’ purtroppo la mentalita’ dell’imprenditore medio italiano pretende di ottenere risultati efficaci con il minimo sforzo e in pochissimo tempo (1 o 2 settimane) oppure al contrario con il massimo sforzo possibile, in termini di energie economiche-fisiche-mentali, pianificando tempi di risposta lunghi (a volte qualche anno), ma nella direzione sbagliata.

Risultato ? 

Nel primo caso molla il colpo perche’ la STRATEGIA NON PORTA RISULTATI ergo NON FUNZIONA.

Nel secondo caso dopo un dispendio di energie devastante, la STRATEGIA NON FUNZIONA LO STESSO e la voglia di ritentarne una nuova diventa uno sforzo ancora piu’ grande.

E’ normale che succeda questo quando hai mille altre cose a cui pensare e che sono fondamentali per mandare avanti il tuo business, ma vorrei ricordarti che persone come Steve Jobs o il Sig. Ray Kroc (alias McDonald’s) prima di arrivare dove tutti sappiamo, hanno studiato e ristudiato le loro strategie finche’ hanno trovato quella vincente.

E naturalmente non si sono mai fermati anche se potevano permetterselo.

Visto che ho nominato McDonald’s, ti ricordi quando sbarco’ nel 2005 in Italia, la patria mondiale della Pizza e della Piadina Romagnola ?
Devo confidarti che anche io ero uno di quelli che pensava:

“…ma figurati se qui da noi puo’ avere successo questa americanata che fa panini industriali di dubbia qualita’ e di dubbio gusto…”
Beh se anche tu la pensavi piu’ o meno cosi’ direi che dopo qualche anno ci siamo dovuti ricredere, giusto ?
Si e’ vero che un colosso del genere si puo’ permettere di rischiare di buttare via qualche milione di euro ma se ci pensi bene e’ tutto proporzionato. Una piccola PMI butta via qualche migliaio di euro, la differenza sta nel fatto che una McDonald’s della situazione non ha mai mollato per studiare quale fosse la strategia giusta per il mercato italiano ed oggi il suo successo è piuttosto evidente.

Ma vediamo qual’e’ la strategia che ti voglio svelare oggi.

Si tratta di “corsi” da offrire ai tuoi clienti.
Ora non conoscendo il tuo settore, ammettiamo che tu abbia un’Erboristeria ed ogni giorno devi combattere per mantenere i tuoi clienti e per acquisirne di nuovi altrimenti vanno dai tuoi concorrenti.
E mentre i tuoi concorrenti continuano questa lotta senza cambiare una virgola nella loro strategia, tu puoi farlo con quella che ti spiego.

  • Quanti clienti entrano nel tuo negozio e ti chiedono informazioni su quali prodotti utilizzare per risolvere un loro specifico problema?
  • E quanti ti chiedono quali sono i benefici di 2 o 3 prodotti simili tra loro ?
  • E quanti ti chiedono “…scusi lei quale mi consiglia?”

Sono domande che possono determinare la loro scelta d’acquisto altrimenti non te le farebbero, giusto ?

Ok fin qui ci siamo.
Quello che devi fare e’ offrire a questi clienti una parte del tuo tempo per dargli tutte le informazioni del caso. E’ ovvio che se le informazioni le dai con la tecnica 1 a molti risparmi anche tempo.
Ma come puoi fare ?
Organizzando dei corsi su linee di prodotti e sulla soluzione di specifiche problematiche che riscontri maggiormente dai clienti.
Bisogna lavorare su questo non c’e’ alcun dubbio, perche’ ti devi studiare i prodotti di una determinata linea e le soluzioni di specifiche problematiche.
Puoi farti aiutare, anzi devi, da qualche tuo cliente che ha avuto benefici, trasformandolo cosi in un testimonial d’eccezione che rilascia una recensione in diretta.

Anche perche’ sul condizionamento delle recensioni alle nostre scelte d’acquisto ci siamo abituati ormai da tempo…

E’ probabile che le prime 2/3 volte i partecipanti saranno limitati alla tua cliente abituale, una sua amica e se va bene la tua vicina di casa.

Non preoccuparti quando si sparge la voce vedrai che le cose andranno molto meglio, e come si sparge la voce con Facebook stai certo che al 3/4 corso riempirai il negozio.

Quindi:
1) Cerca di capire, domandando ai clienti, la loro opinione su questa tua nuova iniziativa e quale possa essere l’orario migliore
2) Crea il tema del corso e dagli un titolo
3) Prepara un testo che sia coinvolgente e coerente con il tema
4) Stampa degli inviti/promemoria tascabili
5) Stampa una scheda dove poter scrivere i dati dei partecipanti (nome,cognome,email principale quella che controlli ogni giorno)
6) Crea l’evento su Facebook
7) Crea una copia dell’invito cartaceo e pubblicalo su Facebook
8) Pubblicizza il post dell’invito facendo una campagna ADV (con qualche decina di euro)
9) Fai un post di promemoria il giorno prima
10) Ricordati di inviare, a tutti i tuoi clienti di cui hai già l’email, un promemoria.
11) Omaggia sempre i partecipanti con un prodotto di basso costo ma di qualita’ che sia coerente con il tema del corso. Evita la penna personalizzata o altre cose che non c’entrano nulla con i tuoi prodotti e
non sono coerenti con la tua Attivita’.

Questa strategia si puo’ applicare a diversi settori come ad esempio;
– Centri Benessere (corsi sulla cura della persona, alimentazione…)
– Centri Estetici (corsi sul trucco, cura della pelle…)
– Negozi di Sigarette Elettroniche (corsi sulle giuste informazioni, sui liquidi, sulla differenza tra sigaretta tradizionale e sigaretta elettronica…)
– Parrucchieri e Saloni di Bellezza (corsi su come mantenere sano il capello, tecniche di base di pettinatura, lo shampoo piu’ adatto al tipo di capello…)
– Negozi di Animali ed accessori (corsi su come alimentare correttamente l’animale, cosa fare in caso di…)
– Negozi di Articoli Sportivi (corsi sulla scarpa piu’ idonea all’attivita’ sportiva, la giusta scelta dello sci da neve…)
– Macelleria e Gastronomia (corsi su come cucinare determinati prodotti che vendi direttamente)
…..

Ora esprimi tutta la tua fantasia e sforzati di scoprire quali valori aggiunti puoi dare al tuo Cliente.

E se ti va fammi sapere com’e’ andata oppure, ancora meglio, pubblica un commento sul Blog cosi’ potranno leggerlo anche gli altri e trarne spunto.
Resta connesso…

Stefano Bortolotti
autore del Blog comunicazionecommerciale.com